Stampa
Visite: 1255

Pescatori in cerca di spazi

Assemblea Generale della Federazione dei Pescatori Trentini 

Deciso intervento del Presidente della Federazionein merito alla nuova legge sulla pesca

ll tavolo dei relatori
2016 AssembleaSabato 7 maggio, presso la sala messa gentilmente a disposizione dalla Accademia della Fondazione Edmund Mach si è svolta l’Assemblea Generale della Federazione dei Pescatori Trentini. All’importante incontro hanno partecipato oltre 60 componenti dei direttivi delle Associazioni socie, l’Assessore alla caccia, pesca, turismo e agricoltura Michele Dallapiccola, i consiglieri provinciali Nerio Giovannazzi e Rodolfo Borga, l’assessore del comune di Trento Mariachiara Franzoia, i componenti il gruppo esperti dott. Giorgio Postal, prof. Maurizio Siligardi, dott. Michele Caldonazzi, dott. Piergiorgio Casetti e in rappresentanza del servizio Foreste e Fauna il dott. Fabrizio Baldessari e il dott. Leonardo Pontalti.

La relazione del Presidente Mauro Finotti, riportata a parte, illustra con completezza le attività svolte, i programmi futuri e la posizione della Federazione sui temi di grande rilevanza riguardanti la pesca dilettantistica nella nostra Provincia: una piiù soddisfacente situazione dei contributi pubblici; i maggiori numeri presenti nel piano di dissuasione degli uccelli ittiofagi; ma soprattutto ha fatto pesare in maniera decisa la necessità che la nuova Legge sulla pesca venga approvata al più presto, comprendendo in questa soprattutto l’esigenza da tempo evidenziata di un riconosciuto ruolo di rappresentanza dei pescatori in tutti i tavoli di confronto e decisionali che le acque trentine.

L’intervento del Presidente ha riscosso consenso unanime. Ad esso ha fatto seguito l’assessore Dallapiccola, che ha portato i saluti di tutta dell’Amministrazione Provinciale e ha ricordato che l’Assessorato ha sempre riposto attenzione alle Associazioni Pescatori riconoscendo il lavoro di volontariato che essi svolgono nei

FPT Trentino associazioniconfronti della salvaguardia del territorio nella conservazione del patrimonio ittico. Ricorda come i rapporti con la Federazione siano migliorati dalla precedente Assemblea, incrinati a causa di incomprensioni legate ai finanziamenti pubblici. Proprio su questo tema l’Assessore ha speso alcune parole indicando che i finanziamenti sono assicurati e resteranno invariati per il 2016. Conclude il suo discorso trattando l’argomento che disegnerà il futuro della pesca in trentino, ovvero la revisione della Legge Provinciale sulla pesca.

La nuova legge si trova attualmente in una fase di stallo che è dovuta ad alcune divergenze tra i due principali interlocutori : Federazione Pescatori Trentini e Unione Pescatori del Trentino. L’Assessore indica che solamente dal frutto di una visione congiunta si potrà arrivare ad una stesura definitiva. Quindi ha auspicato che le due parti in causa trovino un accordo. Per la verità la Federazione non è a conoscenza di quali siano i punti di contrasto con l’Unione in quanto, dopo i lavori della Commissione che ha elaborato la bozza tecnica della nuova legge, l’Ufficio Faunistico ha richiesto alle due organizzazioni di presentare le proprie osservazioni, osservazioni che la Federazione ha presentato nell’aprile del 2015, mentre ci risulta che a tutt’oggi da parte dell’Unione nulla sia stato uffi cialmente presentato. Il dott. Michele Caldonazzi ha effettuato un intervento sul tema delle specie vegetali esotiche o alloctone invasive un problema sempre più grave lungo i nostri corsi d’acqua che ha suscitato molto interesse della platea. Il prof. Maurizio Siligardi, ha ripreso il problema degli svasi, anche alla luce di quelli imminenti. Puntualizza che, se rispettatidoverosamente, i protocolli elaborati siano sufficientemente efficaci per un ridotto impatto sulla salute del fiume: impatto che però, innegabilmente, comunque si verifica. L’adozione di metodi alternativi si presenta peraltro se non percorribile, sicuramente molto più onerosa. Riprende anche il problema della possibile riduzione dei deflussi minimi, con tutti i rischi ambientali connessi..
Il dott. Baldessari interviene per comunicare che l’Ufficio faunistico in data 08 giugno organizza un corso di aggiornamento per i guardiapesca legato al tema della corretta gestione degli impianti ittiogenici. Tale corso è stato proposto dalla Federazione e per la sua valenza è stato esteso a tutte le Associazioni Pescatori trentine. Il Consigliere Nerio Giovannazzi, afferma di essere intervenuto su invito della Federazione con la quale esiste da tempo una grande amicizia. Si è congratulato con la Federazione per il grande lavoro svolto ed ha assicurato il suo costante aiuto e interessamento alle nostre attività. Lo stesso sostegno assicura anche il consigliere Rodolfo Borga.

 

Articolo tratto da "Il Pescatore Trentino" Nr2 Giugno 2016

Articolo di Mauro Finotti

ico pdf rArticolo completo e relazione del Presidente

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su 'Si, acconsento' all’uso dei cookie